Madonna di Capodacqua 2015

Read More
istrice

La cagnetta Stella e l’istrice – una storia a lieto fine

 Una storia a lieto fine

Il coraggio di gettarsi contro un istrice ed essere trafitta da diversi aculei. Le cure amorevoli dei padroni e la perizia del veterinario hanno portato la cagnetta Stella ad una perfetta guarigione.

Read More

Nitriti d’autunno 2014

Dai giganti italiani CaiTpr ai pony di Esperia e Monterufolino, passando in rassegna i biondi Haflinger, i Murgesi, i Maremmani e i Tolfetani con i Butteri, i nostri cowboy tutti Italiani, la mascalcia, i muli da soma, gli attacchi e tanto altro ancora… alla presenza del Corpo Forestale dello Stato e con la partecipazione straordinaria dei ragazzi del Carosello di Villa Buon Respiro.

Read More

Colazione a Vetozza 2014

La colazione offerta dai Vetozzari agli assolcatori di Bacugno, che ridiscendono il Monte Boragine dopo aver innalzato la Biffa in onore di Santa Maria della Neve

Read More

La transumanza, rievocazione ad Amatrice

DSCN1755  DSCN1752  DSCN1756

TRANSUMANZA-1  transumanza2

Chi non ricorda questa poesia che è il manifesto della transumanza in Abruzzo

I PASTORI

Settembre, andiamo. È tempo di migrare.
Ora in terra d’Abruzzi i miei pastori
lascian gli stazzi e vanno verso il mare:
scendono all’Adriatico selvaggio
che verde è come i pascoli dei monti.

Han bevuto profondamente ai fonti
alpestri, che sapor d’acqua natia
rimanga né cuori esuli a conforto,
che lungo illuda la lor sete in via.
Rinnovato hanno verga d’avellano.

E vanno pel tratturo antico al piano,
quasi per un erbal fiume silente,
su le vestigia degli antichi padri.
O voce di colui che primamente
conosce il tremolar della marina!

Ora lungh’esso il litoral cammina
La greggia. Senza mutamento è l’aria.
Il sole imbionda sì la viva lana
che quasi dalla sabbia non divaria.
Isciacquio, calpestio, dolci romori.

Ah perché non son io cò miei pastori?

La transumanza ha origini antichissime, cenni storici “dall’Abbazia di Farfa” ne danno notizie fin dal tardo medio evo.
Tutti pascoli montani dell’Appennino erano ambiti e contesi da nobili, signorotti e feudatari. Le greggi d’inverno pascolavano nelle pianure sia del Tirreno che dell’Adriatico, ma all’inizio dell’estate, quando l’erba cominciava a scarseggiare erano costretti a trasferirsi sui monti. La transumanza è attiva ancora oggi, ma il trasferimento avviene con autotreni.

da PensieriParole <http://www.pensieriparole.it/poesie/poesie-d-autore/poesia-27837>

Read More

La Rocca di Cittareale, da Manfredi ai Borboni

 

2-rocca1-01-MDA_6330

28-MDA_6409 24-MDA_6388 16-MDA_6366  14-MDA_6363 12-MDA_6355

Grande partecipazione della cittadinanza alla presentazione del libro “Un opera sconosciuta di Antonio da Settignano: La Rocca di Cittareale”. Oltre ai relatori Dott. Walter Capezzali, Prof. Tersilio Leggio, Prof. Francesco Pro Pistilli, è intervenuta anche il Prefetto di Rieti la Dott.ssa Chiara Marolla. Il nostro Sindaco si sta prodigando a far conoscere il territorio di Cittareale, coniugando i temi di cultura, sport e  folclore.

 

Read More

Selvarotonda arrivo Tirreno-Adriatico

Read More

Birra Alta Quota

Read More

MTB Cittareale

Read More